Cafiero de Raho: sulla mafia poca attenzione dalla politica. Sarti M5S: ascoltare monito del Procuratore
Home > MAFIA 41-BIS

 

MAFIA 41-BIS

Cafiero de Raho: sulla mafia poca attenzione dalla politica. Sarti M5S: ascoltare monito del Procuratore

20/10/2018 


Presentata a Roma un'indagine dell'associazione Libera sulla percezione degli italiani in materia di mafie e corruzione. Solo il 38% ritiene le mafie “un fenomeno preoccupante” e “socialmente pericoloso”. Per l’8,5% sono diffuse in tutta Italia, ma per la maggioranza degli intervistati riguardano solo il sud. La corruzione è "radicata" ma l'80% ha paura di denunciare.

Forte la denuncia del procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho

“su mafie e corruzione c’è spesso poca attenzione da parte della politica”. Eppure si tratta di “una patologia che colpisce il Paese nel quale la corruzione dilaga perché vi è una mafia che esercita un controllo molto preoccupante anche sull’economia e sulla politica”. “Non sento attenzione su questi fenomeni, non sento parlare della necessità di contrastarli, ma mafie e corruzione – avverte– non riguardano solo la Dna, l’Anac o la magistratura. Sono anzitutto una questione politica ed è dalla politica che deve partire un ordine fermo: stop alla corruzione, chi denuncia deve essere difeso, la mafia va annientata”.

Giulia Sarti M5S: ascoltare monito de Raho

"Oggi abbiamo ascoltato le parole del procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho, intervenuto alla presentazione del rapporto di Libera, sulla necessità di un contrasto serio ai fenomeni mafiosi. Il suo è un monito che la politica deve ascoltare e mettere in pratica, perché, come ha ricordato de Raho, siamo in un Paese in cui la corruzione dilaga e le mafie esercitano un controllo preoccupante. Domani mattina ascolteremo le sue osservazioni sulle nuove norme anti-corruzione e siamo certi che il suo sarà un contributo importante". Lo affermano in una nota Giulia Sarti e Giuseppe Brescia, Presidenti M5S della Commissione Giustizia e della Affari costituzionali della Camera.

Agensiri - Ansa