Comune di Pietrelcina intitolerą una strada al Maresciallo Pasquale Mandato
Home > NOTIZIE

 

NOTIZIE Comune di Pietrelcina intitolerą una strada al Maresciallo Pasquale Mandato 10/10/2018 

Sabato 13 ottobre in Pietrelcina terra natale di Padre Pio si svolgerà una solenne cerimonia d’intitolazione di una strada alla memoria di Pasquale Mandato nativo di Pietrelcina, Maresciallo scelto del Corpo degli Agenti di custodia della Polizia Penitenziaria, “Vittima del Dovere”, medaglia d'oro al merito civile. Il 5 marzo 1983 mentre si recava in servizio, presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere, fu ucciso per l’irremovibilità dimostrata nei confronti della criminalità organizzata.
La celebrazione avrà inizio alle ore 10.30 con la scopertura e benedizione della targa in già via dello Sport. Parteciperanno autorità civili, religiose e militari. L’evento celebrativo proseguirà presso il Palavetro alle ore 11.00.

Saluteranno gli ospiti presenti, il sindaco di Pietrelcina Domenico Masone, Maria Grazia Mandato figlia del Maresciallo Pasquale Mandato, Francesco Antonio Cappetta, prefetto di Benevento e Aldo Policastro, procuratore della Repubblica di Benevento.

Seguiranno gli interventi di Francesco Basentini, capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia, Federico Cafiero de Raho, Procuratore Nazionale Antimafia ed Antiterrorismo, Antonio Lepre, componente del Consiglio Superiore della Magistratura e Giovanni Melillo, procuratore della Repubblica di Napoli. L’incontro sarà coordinato da Raffaele Sardo, giornalista e scrittore.

ilvaglio.it

PASQUALE MANDATO

La mattina del 5 marzo 1983 il maresciallo degli agenti di custodia Pasquale Mandato, 53 anni, viene raggiunto da numerosi colpi di arma da fuoco mentre si sta recando a lavoro alla Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere. Viene soccorso prontamente dai suoi colleghi ma ciò nonostante muore poco il ricovero in ospedale.
Il maresciallo aveva fatto in modo che alcuni camorristi non potessero beneficiare di "favori" che non spettavano loro e ciò ha scatenato la vendetta degli 8 Killer. A dargli il colpo di grazia è stato Michelangelo d'Agostino, poi diventato collaboratore di giustizia.


Google News Penitenziaria.it SEGUICI ANCHE SU GOOGLE NEWS