Michele Zagaria: non mi pentir˛. Ispettore di Polizia Penitenziaria racconta le intercettazioni avvenute in carcere con gli ordini del boss
Home > MAFIA 41-BIS

 

MAFIA 41-BIS Michele Zagaria: non mi pentir˛. Ispettore di Polizia Penitenziaria racconta le intercettazioni avvenute in carcere con gli ordini del boss 15/11/2019 

"Volevano che mi pentissi ma non mi pentirò mai. Ero disposto pure ad uccidermi". Lo ha detto il capoclan dei Casalesi Michele Zagaria questa mattina in videoconferenza dal carcere  di Tolmezzo a margine del processo che lo vede accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso ed in particolare per aver mandato messaggi dall'interno del carcere sia durante i colloqui con i familiari sia nel corso di un'udienza per omicidio, in corte d'Assise a Napoli.

Il boss detenuto al 41 bis, difeso dall'avvocato Paolo Di Furia, ha deposto dinanzi al tribunale di Napoli Nord, presidente Chiaromonte e al pubblico ministero della Dda di Napoli Maurizio Giordano.

Il boss, difeso dall'avvocato Paolo Di Furia, ha preso la parola in videoconferenza dal carcere spiegando come nel periodo finito nel mirino degli inquirenti dell'Antimafia fosse particolarmente "sotto pressione". "Mi volevano far pentire", ha riferito ma lui piuttosto avrebbe preferito farla finita. "Non mi pentirò mai".

Nel corso dell'udienza è stato sentito anche un ispettore della Polizia Penitenziaria che ha coordinato l'ascolto dei colloqui in carcere, in particolare quelli con i familiari. Nelle intercettazioni, secondo gli inquirenti, ci sono le prove che Zagaria avrebbe inoltrato messaggi all'esterno, come quando raccontò alla sorella un sogno in cui aveva immaginato "una lavatrice che bruciava". Il processo è stato così rinviato alla metà di gennaio.

Nel procedimento stralcio già terminato dinanzi alla Corte di Appello di Napoli  sono state già condannate la sorella del boss, Beatrice Zagaria a tre anni di carcere, e le cognate a due anni.

Il magistrato Catello Maresca racconta come ha catturato Michele Zagaria: due puntate su Nove tv

 

Michele Zagaria in videoconferenza: nessuno mi farà mai pentire

 

Neanche il carcere duro ha fermato il Boss Zagaria: dava ordini ai suoi durante i processi ed i colloqui con i familiari

 

Intercettazioni in carcere del NIC della Polizia Penitenziaria permettono l'arresto di Vincenzo Inquieto associato al clan dei casalesi di Zagaria

 

Clan dei Zagaria come una ndrina: tra scarcerazioni e pentimenti, il boss torna a lanciare messaggi durante il processo


Google News Penitenziaria.it SEGUICI ANCHE SU GOOGLE NEWS