Salvatore Rap, Agente di Custodia ucciso durante evasione dal carcere di San Vittore il 21 aprile 1946
Home > CADUTI

 

CADUTI Salvatore Rap, Agente di Custodia ucciso durante evasione dal carcere di San Vittore il 21 aprile 1946 21/04/2019 

Salvatore Rap, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia – nato a Sommatino (CL) il 30 settembre 1924, in servizio presso le Carceri Giudiziarie di Milano “San Vittore” ucciso durante evasione del 21 aprile 1946 (giorno di Pasqua).

 

Il 21 Aprile del 1946 i circa 3.000 detenuti delle Carceri giudiziarie di Milano “S. Vittore”, armati, insorsero con l’obiettivo di mettere in atto un’evasione di massa, sparando all’impazzata contro chiunque cercasse di fermarli. Malgrado fosse libero dal servizio, l’Agente Salvatore Rap si trovava all’interno del carcere ed intervenne.

Si armò di mitragliatrice prendendo posizione insieme ad altri suoi compagni nello spazio antistante l’ingresso del carcere, in prossimità del raggio che presentava maggiore pericolo e possibilità per eventuali evasioni, dando la possibilità di fare giungere rinforzi. Ferito gravemente al torace da un proiettile esploso dai detenuti asserragliati all’interno del carcere, il giovane Salvatore Rap veniva soccorso e, mentre ancora infuriava la rivolta, trasportato al Policlinico di Milano ove alle 00.30 del 22 aprile cessò di vivere.

La rivolta venne capeggiata dal famigerato bandito Enzo Barbieri e dall’ex gerarca fascista Caradonna.

La rivolta fu sedata solo tre giorni dopo. Così il filmato dell’Istituto LUCE:

Salvatore Rap Agente di Custodia ucciso durante evasione da San Vittore il 21 aprile 1946

Salvatore Rap, Agente di Custodia ucciso durante evasione dal carcere di San Vittore 21 aprile 1946

 

MEDAGLIA D'ARGENTO AL VALORE MILITARE ALLA MEMORIA

“Agente di Custodia in esperimento presso un importante carcere giudiziario, in occasione della ribellione di oltre tremila detenuti muniti di armi che minacciavano di forzare in massa l’uscita principale del carcere, armatosi di una mitragliatrice, riuscì a trattenere l’impeto dei ribelli con deciso fuoco della sua arma, che abbandonò soltanto allorché venne colpito da un proiettile che gli cagionò una ferita al petto per cui decedette tre giorni dopo dichiarandosi pago di aver compiuto a costo della vita il proprio dovere. Milano San Vittore 21 aprile 1946”. Data di conferimento: 27 settembre 1947

 

SCUOLA DI FORMAZIONESALVATORE RAP

Alla memoria di Salvatore Rap è intitolata la Scuola di Formazione di Polizia Penitenziaria di Verbania.

 

ALTRI RICONOSCIMENTI

Alla memoria si Salvatore Rap è stata dedicata una stele all’ingresso del penitenziario di San Vittore a Milano, una all’interno del cortile rotonda della Casa Circondariale Ucciardone di Palermo ed all’ingresso della Scuola di Formazione di Portici (NA). In occasione del LX anniversario della sua morte, a Sommatino, città natale dell’eroe, è stata scoperta una targa commemorativa a cura del Comune siciliano.


Google News Penitenziaria.it SEGUICI ANCHE SU GOOGLE NEWS