Veronica Panarello trasferita nel carcere di Torino. La sentenza: strangolò lei il figlio Lorys con le fascette di plastica
Home > NOTIZIE

 

NOTIZIE Veronica Panarello trasferita nel carcere di Torino. La sentenza: strangolò lei il figlio Lorys con le fascette di plastica 18/08/2018 

La mamma di Lorys Stival, Veronica Panarello, è stata trasferita dalla Casa Circondariale di Catania, sita in piazza Lanza, al penitenziario Le Vallette di Torino. La giovane donna, condannata in primo e secondo grado a 30 anni di reclusione per l’omicidio e l’occultamento del cadavere del primogenito, ha compiuto tale viaggio sabato scorso, 11 agosto 2018. A dare tale notizia sono le diverse testate giornalistiche locali, le quali hanno rivelato che il trasferimento è avvenuto mediante un volo aereo civile. Veronica Panarello è salita a bordo di un aereo Alitalia e con lei vi erano anche gli agenti della Polizia Penitenziaria.

Questo è stato il quarto trasferimento per la Panarello: nel 2014 la donna è stata rinchiusa nel carcere di Agrigento e poi, sul finire del 2015, era stata trasferita all’istituto di Barcellona Pozzo di Gotto, dove fu sottoposta a osservazione psichiatrica; ad inizio anno del 2016 era stata trasferita nel penitenziario di Catania. L’avvocato difensore della donna, Francesco Villardita, ha commentato così quest’ultimo trasferimento: “Il cambio di penitenziario era un provvedimento atteso, che segue la sentenza di luglio e che ci aspettavamo“. Il volo partito da Fontanarossa a Caselle, con scalo a Fiumicino, è poi giunto a Torino.

Si tratta del quarto istituto penitenziario nel quale la donna, condannata a trenta anni di carcere in primo grado e in appello per avere ucciso il figlio Loris il 29 novembre del 2014, si è trovata rinchiusa. La donna era stata portata prima al carcere di Agrigento e poi, da dicembre del 2015, all’istituto di Barcellona Pozzo di Gotto, dove è stata sottoposta anche a osservazione psichiatrica.

Per i giudici non vi sono dubbi: ad uccidere il piccolo Lorys Stival è stata la mamma Veronica Panarello. Stando all’autopsia il bambino di 8 anni è deceduto per strangolamento attuato con delle fascette di plastica. La donna però negli anni ha continuato a negare e a puntare il dito contro il suocero, Andrea Stival, indicandolo come il vero assassino. Secondo le dichiarazioni della donna, il suocero avrebbe ucciso il piccolo Lorys in quanto quest’ultimo aveva scoperto la relazione tra la madre e il nonno. Per questo motivo, poco dopo la lettura della sentenza, Veronica Panarello si è scagliata pesantemente contro il suocero, urlandogli: “Sei contento? Sai cosa ti dico? Prega Dio che ti trovo morto quando esco perché se no ti ammazzo con le mie mani”.

velvetgossip.it


Google News Penitenziaria.it SEGUICI ANCHE SU GOOGLE NEWS