Minacce al Magistrato Catello Maresca, Di Matteo: piena solidarietą da tutto il Consiglio Superiore della Magistratura
Home > MAFIA 41-BIS

 

MAFIA 41-BIS Minacce al Magistrato Catello Maresca, Di Matteo: piena solidarietą da tutto il Consiglio Superiore della Magistratura 23/04/2020 

Solidarietà" al pm di Napoli, oggi sostituto procuratore generale, Catello Maresca, destinatario di "gravissimi insulti e gravi minacce verbali diffuse anche via social”. E’ così che in apertura del plenum del consiglio dell’autogoverno della magistratura, il consigliere togato indipendente, Nino Di Matteo, ha espresso vicinanza da parte di tutto il Csm. Maresca, insieme al procuratore capo di Catanzaro, Nicola Gratteri, era finito bersaglio di minacce e insulti sui social, proprio poco dopo aver preso posizione nei confronti della nota del Dap, pubblicata il 21 marzo scorso, che di fatto ha reso possibile la scarcerazione anche di persone detenute con il massimo livello di sicurezza, se hanno patologie o età tali da essere a potenziale rischio Covid-19 all'interno degli istituti penitenziari.

“Speriamo che il virus uccida anche te” e “un altro morto in carcere (a proposito del decesso di un detenuto, ndr), te lo porti sulla coscienza” si leggono nelle chat di decine di persone. Il consigliere togato indipendente, durante la seduta del plenum, ha ricordato che Maresca è stato attaccato per aver espresso "preoccupazioni fondate sulla tenuta del sistema carcerario e sui vantaggi" che le organizzazioni criminali mirano "a ottenere dalla contingenza legata all'emergenza sanitaria" e per aver affermato che "la parola mafia sembra essere stata cancellata dal nostro ordinamento". "Sono certo - ha concluso Di Matteo - che Maresca continuerà la sua denuncia pubblica ma deve sentire la solidarietà e l'attestato di stima che merita a nome mio e del Csm”.

Componenti M5S della Commissione Antimafia chiedono riunione per valutare le scarcerazioni dei boss mafiosi

 

Antonino Di Matteo: con scarcerazione di Bonura lo Stato sembra aver dimenticato la stagione delle stragi

 

Il boss Francesco Bonura, riferimento di Provenzano, dal 41bis ai domiciliari: i nomi degli altri mafiosi pubblicati da L'Espresso che potrebbero seguirlo

 

La lettera del DAP, sospettata di essere la causa dell'invio ai domiciliari dei boss mafiosi

 

Boss mafiosi scarcerati dopo una lettera del DAP che dichiara: un semplice monitoraggio, nessun automatismo

 

Pericolo scarcerazioni boss mafiosi: Vittime del Dovere contro la ricognizione del DAP

 

Detenuti al 41-bis potrebbero ottenere domiciliari: non lo esclude una lettera del DAP inviata alle carceri

 

Boss mafiosi scarcerati per Pasqua: ecco la lista pubblicata da Juorno.it


Google News Penitenziaria.it SEGUICI ANCHE SU GOOGLE NEWS